Ponza: aiutaci a pulire l’ambiente e ti ospiteremo sull’isola!

Standard

Ponza: aiutaci a pulire l'ambiente e ti ospiteremo sull'isola!Aiutaci a pulire l’ambiente e ti ospiteremo per 5 notti, 6 giorni, sulla nostra isola. L’ambiente è tra la risorse primarie per fare turismo, se non lo salvaguardiamo e aiutiamo a metabolizzare tutte le nostre incurie ambientali, un giorno vedremo che tale risorsa potrebbe venir meno e con essa l’esperienza turistica in un luogo interessante e accattivante, sia dal punto di vista geografico che naturalistico.

L'associazione Pro-loco di Ponza, con il Patrocinio del Comune di Ponza, in collaborazione con alcuni imprenditori turistici locali promuove il progetto "un volontario per amico". Il progetto consiste nell'ospitare gratuitamente sull'isola 4 volontari a settimana (dalla domenica al venerdì) in cambio di attività di volontariato per la pulizia delle spiagge, tratti di strada, sentieri, piccoli spiazzi, riassettare dopo manifestazioni locali, pulizia di siti archeologici, etc. Per partecipare all'iniziativa bisognerà avere la maggiore età. I volontari dovranno collaborare con i dipendenti della Pro-loco, già predisposti per questi servizi diversificati. Aderendo a questa iniziativa il volontario ha diritto ad un soggiorno gratuito per i periodi prestabiliti nei quali si intende partecipare. Le ore di servizio-volontariato sono identiche a quelle dei dipendenti della Pro-loco: 6,40 ore a partire dalle ore 7:30 del mattino (orario flessibile in funzione delle esigenze di servizio).

Il giorno previsto per l'arrivo del volontario è nella giornata di domenica per ogni settimana prestabilita. Gli interessati, una volta sbarcati sull'isola dovranno dirigersi verso l'ufficio della Pro-loco sito in via Molo Musco dove verranno date tutte le indicazioni riguardanti l'alloggio, che verrà consegnato nel pomeriggio. In serata è previsto un briefing informativo inerente al soggiorno sull'isola e allo svolgimento delle attività di volontariato ed i relativi orari stabiliti dal calendario con un responsabile della Pro-loco. Gli interessati dovranno provvedere al pagamento del viaggio per raggiungere l'isola e al vitto. Durante il soggiorno si potranno utilizzare anche le cucine in dotazione negli immobili messi a disposizione. Il giorno di partenza bisognerà lasciare l'immobile pulito entro e non oltre le ore 10:00 del venerdì. Per eventuali partenze serali i bagagli saranno custoditi nei locali della Pro-loco fino all'orario di partenza. L'adesione al progetto deve avvenire tramite e-mail, dove bisognerà specificare tutti i dati anagrafici, il periodo nel quale si intende soggiornare, i recapiti telefonici, il numero di prenotazione del mezzo scelto per il raggiungimento dell'isola. Una volta decisa la data di arrivo sull'isola non si potrà cambiare o disdire tale data onde evitare la preclusione ad altre persone di partecipare a questa esperienza indimenticabile. Le manifestazioni d'interesse dovranno pervenire presso i locali della Pro-loco con un anticipo di 10 giorni dalla data di arrivo inviando tutti i documenti richiesti precedentemente, salvo disponibilità.

Ad ogni volontario, durante la riunione informativa, verrà fornito un kit ecologico per la buona riuscita dell'operazione di raccolta dei rifiuti oltre al cappellino come segno distintivo. Alla fine del soggiorno verrà consegnato al singolo volontario un diploma di partecipazione. Tutti i partecipanti saranno coperti da assicurazione riguardante eventuali danni subiti solo ed esclusivamente nel periodo di servizio. Gli alloggi messi a disposizione dei volontari sono da 4 posti letto. Nel tempo rimanente della giornata il volontario potrà ammirare e godersi delle bellezze naturali dell'isola partecipando alle numerose attività organizzate durante la stagione turistica.

Settimane disponibili per lo svolgimento del progetto "Un volontario per amico":

- 4 -5-6-7-8 Maggio'14
- 11-12-13-14-15 Maggio'14
- 18-19-20-21-22 Maggio'14
- 25-26-27-28-29 Maggio'14
- 1-2-3-4-5 Giugno'14
- 8-9-10-11-12 Giugno'14
- 15-16-17-18-19 Giugno'14
- 22-23-24-25-26 Giugno'14
- 6-7-8-9-10 Luglio'14
- 13-14-15-16-17 Luglio'14
- 14-15-16-17-18 Settembre'14
- 21-22-23-24-25 Settembre'14
- 28-29-30 Settembre'14 e 1-2 Ottobre'14

La società di navigazione SNAP, con partenza da Terracina, ha proposto una convenzione con la Pro-loco di Ponza facendo uno sconto del 50% a tutti i volontari che decideranno di viaggiare con questa compagnia. Per informazioni: inviare una mail alla Pro-loco di Ponza info@prolocodiponza.it oppure chiamando al numero di telefono 0771-80031.

Alternativa Sostenibile: portale di informazione sullo sviluppo durevole e sostenibile.
Web: www.alternativasostenibile.it

Il bomber del porta a porta dà il calcio d’inizio a "Pensa pulito"

Standard

Il bomber del porta a porta dà il calcio d'inizio a "Pensa pulito"Gabriele Tarenzi, l’Agente Folletto numero 1, protagonista durante Parma-Inter dell’evento di lancio del progetto “Folletto. Pensa pulito”. Già ripulite Milano e Parma con un’azione di “guerrilla cleaning”, le iniziative continueranno per tutto il 2014-15.

Ci voleva una persona eccezionale, il "bomber del porta a porta", per dare il calcio d'inizio a un progetto importante come "Folletto. Pensa pulito", l'iniziativa pensata da Vorwerk Folletto per partire dal concetto di pulizia -del quale l'azienda che distribuisce l'aspirapolvere più amato dagli italiani è specialista- e tradurre i valori positivi a esso legati nella società. «Un invito a essere positivi nella vita e nel lavoro, a prendersi cura degli altri e dell'ambiente, a competere con fair play. A giocare e soprattutto a pensare pulito, in ogni situazione, come da oltre 75 anni fa Folletto» spiega il presidente di Vorwerk Folletto Patrizio Barsotti.

Il progetto che vede in prima fila tra i partner di Folletto il Parma, la squadra di cui Folletto è main sponsor, che proprio in occasione del lancio di "Folletto. Pensa pulito" ha fatto un gesto eccezionale: in occasione del match Parma-Inter del 19 aprile per la prima volta il club crociato è sceso in campo con una maglia speciale, senza logo dello sponsor se non un numero, l'1, e un nome, quello di Gabriele Tarenzi appunto, il 35enne di Lodi che nel 2013 ha venduto 1.266 apparecchi diventando l'Agente Folletto numero 1 dell'anno. A contorno c'è stata tutta una serie di azioni spettacolari pre-partita, con show, banner e tabelloni tutti dedicati a Folletto, Tarenzi e "Pensa Pulito". Tarenzi aveva fatto il suo debutto come ambasciatore del "Pensiero pulito" qualche giorno prima, sempre a Parma, quando il primo campanello suonato dall'Agente Folletto era stato quello del centro sportivo di Collecchio, dove Tarenzi si era allenato assieme ai giocatori ripreso dalle telecamere di Parma Channel (https://www.youtube.com/watch?v=ziZDXNH-XZc). Il suo grande momento è stato sabato 19 aprile, quando lo stadio Tardini di Parma si è rivestito dei banner e dei colori di "Folletto. Pensa pulito" e i campioni hanno giocato con la maglia limited edition con la scritta "1 Gabriele Tarenzi – #pensapulito".

«Il motore e il cuore di Vorwerk Folletto sono le persone che ogni giorno "scendono in campo", anche loro, per presentare l'azienda a migliaia di famiglie italiane -spiega il presidente di Vorwerk Folletto Patrizio Barsotti-. Sono persone straordinarie, che con la loro professionalità e con la passione per il lavoro che fanno sanno costruire un rapporto di fiducia con i propri clienti. Da questi valori positivi siamo partiti per costruire un'iniziativa che vuole portare il "pensare pulito" proprio di Folletto in tanti ambiti della vita e della società, con azioni concrete». Il progetto "Folletto. Pensa Pulito" infatti si declinerà in una serie di eventi che andranno avanti fino al 2015. Qualche esempio? Il "guerrilla cleaning" che ha ripulito le strade di Milano e Parma nelle scorse settimane per tradurre in realtà l'hashtag #pensapulito che accompagnerà tutti i prossimi eventi sui social network e sul sito www.follettopensapulito.it.

Alternativa Sostenibile: portale di informazione sullo sviluppo durevole e sostenibile.
Web: www.alternativasostenibile.it

L’internet dopo Internet, ecco cosa sono i mesh network

Standard

Internet
Sono nati con l’obiettivo di sopperire ai blackout di internet in occasione di disastri naturali, attacchi terroristici e sommosse politiche, ora rischiano di soppiantare l’internet che conosciamo. Stiamo parlando dei Mesh Network (letteralmente: reti a maglia), una nuova embrionale forma di rete di telecomunicazioni che si pone l’obiettivo di costruire un internet non centralizzato e indipendente da compagnie telefoniche e ISP.La questione è questa: oggi, se vuoi connetterti alla rete con il tuo smartphone, hai bisogno di allacciarti alla connessione offerta dalla tua compagnia telefonica o a un hot-spot WiFi. In entrambi i casi, le informazioni che il tuo smartphone invia e riceve sono esposte al potenziale controllo di terzi. Ma soprattutto, se per caso ti trovi al di fuori del raggio di copertura della tua compagnia, in una zona dove non esistono spot WiFi, ti è praticamente impossibile connetterti.Iniziative come la neozelandese Serval , la spagnola GuiFi e la tedesca Freifunk , stanno cercando di aggirare questa condizione creando delle reti che si appoggino sugli utenti stessi, e più specificamente: sui loro smartphone. Prendiamo l’esempio di Serval: la startup neozelandese ha ideato un software che consente a un utente smartphone di connettersi ad altri bypassando la rete centralizzata, appoggiandosi a una rete creata dagli stessi telefonini. In un sistema di questo tipo ogni telefonino funge da nodo a sé stante della rete, e ciò rende possibile uno scambio di dati libero e non controllabile.Dal momento però che il WiFi dei telefonini ha un raggio d’azione piuttosto basso, Serval sta raccogliendo fondi per piazzare strutture ausiliarie chiamate “Extender” che dovrebbero fungere da scheletro per una futura rete comunitaria alimentata dal basso.Messa così, sembra l’invenzione del secolo. In realtà i mesh network comportano sia vantaggi che svantaggi.Oltre a garantire la comunicazione tra utenti anche in condizioni proibitive, infatti, i mesh network vengono sempre più visti come una alternativa alla rete come la conosciamo, ovvero centralizzata, regolamentata e, di conseguenza, vulnerabile a diversi tipi di controllo. Non sorprende dunque che questo tipo di soluzione non sia ben vista dagli attori dell’internet tradizionale. Negli ultimi mesi, i fautori dei mesh network hanno cercato di convincere aziende tipo Google a eliminare i limiti che ostacolano la diffusione di queste reti (gli smartphone Android, ad esempio, non consentono all’utente di utilizzare il proprio telefonino come un nodo attivo per una rete mesh), ma senza risultato. Oltre alla questione commerciale (una rete libera e gratuita sarebbe un competitor fastidioso per molti ISP), esistono anche questioni legate alla sicurezza, perché una rete non controllabile potrebbe diventare il ricettacolo di cyber-criminali di ogni risma. E poi, andiamo, pensate davvero che la NSA si lascerà portar via il proprio giocattolo preferito così facilmente?

Fujifilm X-E2, la mirrorless con l’aspetto vintage

Standard


  • Fujifilm X-E2


  • Fujifilm X-E2


  • Fujifilm X-E2


  • Fujifilm X-E2


  • Fujifilm X-E2


  • Fujifilm X-E2


  • Fujifilm X-E2


  • Fujifilm X-E2

 

 

 

 

Sono passati più di cinque anni dal lancio della prima mirrorless (era il settembre del 2008) e la macchina in questione era la micro quattro terzi Panasonic Lumix Dmc-G1, un arco di tempo durante il quale questa tipologia di fotocamere è cresciuta progressivamente, passando da oggetto misterioso all’attuale status, guadagnato sul campo, di temibile antagonista delle reflex. Nell’ultima, smagliante ondata di nuovi modelli si inserisce anche Fujifilm X-E2, che ha l’aspetto e il pedigree di una nipponica d’altri tempi, come riportato con orgoglio sul retro dal marchio made in Japan.

Calotta in magnesio pressofuso, inserti in ecopelle, grip antiscivolo e ghiere meccaniche: la nuova pupilla di Fujifilm si presenta con un classicissimo abito sartoriale retrò che la rende accattivante al tatto e alla vista. Ma dentro l’involucro fashion la fotocamera, evoluzione della già apprezzata X-E1, condensa significative novità.

X-Trans II, il nuovo, grande sensore da 16 Mpixel in formato aps-c, non solo migliora la qualità di colori e immagine anche a Iso elevati ma porta in dote l’autofocus a rilevazione di fase, guarda caso lo stesso delle reflex, che lavora in coppia con un potente processore liberando una messa a fuoco automatica tra le più rapide che ci sia mai capitato di impiegare. Un altro punto di forza della Fujifilm è il mirino elettronico. Ottimo nelle prestazioni e abbondante nelle dimensioni, l’oculare compone inquadrature nitide e ad alta risoluzione. Molto affidabile nella maggior parte delle situazioni, si nota solo un leggerissimo effetto scia nelle inquadrature più dinamiche, ed è comunque inferiore al mirino provato sulla Fujifilm X-t1, attualmente il migliore evf presente sul mercato con tempi di latenza trascurabili.

La X-E2 è una macchina “calda”, nel senso che trasmette immediatamente buone vibrazioni al fotografo che la prende in mano, complice la presenza delle ghiere, una per selezionare i tempi di posa e l’altra per correggere l’esposizione (±3EV), che alimentano la sensazione analogica ma soprattutto sono funzionali all’immediatezza d’uso. Tra l’altro la disposizione del quadro comandi è ineccepibile e attento ai dettagli, con quattro tasti alla sinistra del display, selettore a croce a quattro vie sulla destra e tasto di scatto filettato per avvitare un sistema di scatto flessibile sulla calotta superiore.

I due tasti programmabili Fn e Fn2 sono oro colato, anche perché posizionati strategicamente in modo da essere subito accessibili rispettivamente dall’indice destro e dal pollice sinistro. Noi ad esempio li abbiamo impostati per la sensibilità Iso e per i filtri artistici, due funzioni che usiamo spessissimo.

Insomma, la Fujifilm X-E2 si comporta come una macchina matura e performante, completa di un mirino all’altezza e di un autofocus efficacissimo. Produce immagini che possono dare filo da torcere a parecchie coetanee dslr ed è anche dotata di un fascino che possono fare breccia anche tra i sospettosi fotografi della vecchia guardia.

WIRED
Qualità d’immagine; superba costruzione del corpo macchina; razionalità e praticità d’uso dei comandi; autofocus ibrido; flash pop-up

TIRED
Display fisso e senza touch; wifi migliorabile

prezzo: 949,99 solo corpo
voto: 7,5

The post Fujifilm X-E2, la mirrorless con l’aspetto vintage appeared first on Wired.

Polaris Office si aggiorna su Android e iOS: cambiamento completo!

Standard

Importantissimo aggiornamento finalmente arrivato per Polaris Office, una delle suite per l'apertura e modifica dei documenti Office su piattaforma Mobile. Spesso utilizzato e precaricato all'interno delle personalizzazioni dei produttori di smartphone Android, Polaris Office è molto apprezzato anche su iOS. 

Finalmente da poche ore è arrivato l'update su Play Store e App Store offrendo a tutti la possibilità di provare le nuove funzionalità e caratteristiche- 

CLICCA QUI PER VEDERE LA GALLERY

Il programma è adesso più semplice, immediato e con una grafica minimale. Purtroppo, lato Android, non è la stessa versione che troviamo su Galaxy Note Pro 12.2, indubbiamente il miglior Office per Android (e forse non solo) disponibile ad oggi. 

Gli strumenti sono adesso selezionabili da una chiave inglese in alto con tutte le funzionalità di formattazione principali. Ovviamente Word, Excell e PowerPoint sono perfettamente supportati e non manca l'integrazione Cloud. 100MB sono presenti al primo avvio dopo registrazione ma possono essere ampliati. Nel caso però aveste un altro servizio remoto, i principali Cloud sono comunque supportati.

 

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



Nokia X nel catalogo di Mediaworld a 129,99 euro (Import)

Standard

Nokia X entra ufficialmente nel catalogo di Mediaworld al prezzo di 129,99 euro. Cifra più contenuta rispetto alle prime proposte commerciali relative all'Android Phone di Nokia, ma ben lontana dalla soglia inferiore ai 100 euro ipotizzata inizialmente. E' corretto precisare che il prezzo di Mediaworld si riferisce ad un prodotto Import e, come tale,  risulta sprovvisto di Garanzia Italia. La nota catena di elettronica italiana precisa che il prodotto – in colorazione black – è disponibile su ordinazione con consegna prevista entro 3 giorni lavorativi e possibilità di ritiro in uno dei punti vendita fisici effettuando l'acquisto online Per ulteriori dettagli sulla proposta commerciale di Mediworld è sufficiente collegarsi a questo indirizzo.

CLICCA QUI PER VEDERE LA GALLERY

Nokia X resta un device che continua a suscitare interesse, non fosse altro perchè sarà ricordato come il primo smartphone Android di Nokia e perchè potrebbe interessare a chi ha già in programma di modificarlo con le varie risorse messe a disposizione dalla community di sviluppatori indipendenti. Al tempo stesso, il prezzo di lancio lo fa entrare in competizione con smartphone Android di fascia bassa che con poco di più in termini di costo offrono delle prestazioni superiori. Anche cambiando sistema operativo e prendendo in esame le proposte degli smartphone Windows Phone low-cost la situazione non migliora, anzi, rischia di peggiorare alla luce delle continue offerte relative al Lumia 520 che viene tutt'ora proposto a cifre prossime, e in alcuni casi inferiori ai 100 euro. 

 

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



Truth Facts: tutte le verità sulle società occidentali

Standard

The McDondalds Curve

Lo scrittore danese Mikael Wulff e il fumettista Anders Morgenthaler, duo creativo anche noto come Wumo, ha creato una serie di grafici che illustrano brillantemente alcune delle verità più dolorose che affliggono l’occidente. I loro diagrammi e grafici, intitolati Truth Facts, sono sarcastici ed irriverenti, ma la maggior parte di essi anche terribilmente veri.

Enthusiasm at concertsTruth Facts 2 How long a human can live without

Ad esempio il grafico relativo agli estremismi religiosi che mostra come la fede principale risulta essere quella per la Apple. Oppure il diagramma a torta che illustra il contenuto dei magazine dedicati alle donne: metà degli articoli cercano di invogliare le donne ad accettarsi e piacersi così come sono, mentre l’altro 50% è dedicato a come perdere peso in poche settimane. O quello più disimpegnato che riguarda i sandali da uomo.

Truth Facts 5 Content of women's magazines Truth Facts 7 Truth Facts 8 Truth Facts 9

The post Truth Facts: tutte le verità sulle società occidentali appeared first on i love green.